OSSERVATORIO SCIENTIFICO “ΔΙΚΕ”

Osservatorio Giuridico DIKE - NOMOS Movimento Forense

Osservatorio Giuridico DIKE – NOMOS Movimento Forense

20 E 21 SETTEMBRE 2014.

QUATTRO ZAMPAE IN FIERA. Leggi l’articolo

Vuoi sottoporci il tuo caso? Scrivi alla nostra redazione.


25 GIGUNO 2014. DETENUTE DI POZZUOLI, PRINCIPESSE PER UN GIORNO. Colori da fiaba e musica da sogno hanno prodotto la scenografia ideale all’eccezionale défilé di moda che ha visto, oggi, 16 detenute sfilare in passerella tra lustrini e abiti sfavillanti. L’evento, ideato e realizzato dalla Commissione Pari Opportunità del Comune di Pozzuoli in collaborazione con l’Assessorato alle politiche Sociali, si è tenuto alla Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli e ha visto protagoniste donne recluse sfilare con elegante portamento e concentrazione. L’atmosfera di forte impatto emotivo ha conquistato la platea degli ospiti che hanno accompagnato l’intera manifestazione con ovazioni e applausi rendendo speciale quel momento di commozione delle ragazze, entusiasmate – e probabilmente incredule – di quanto stavano vivendo in quel momento. Ciò che ha colpito maggiormente la nostra attenzione è stata senza dubbio la bravura di ragazze e donne non di certo avvezze al mondo della moda, l’eleganza naturale con la quale hanno accompagnato i propri passi e l’armonia delle forme che hanno disegnato con i movimenti del proprio corpo. Essere ciò che si vuole, anche per un giorno, dunque, e, soprattutto, puntare alla metamorfosi più importante, quella dello spirito, più auspicabile senza dubbio ma anche più difficile da compiere. La funzione della pena dev’essere non solo afflittiva ma soprattutto rieducativa e finalizzata al recupero “reale” del detenuto, in modo da potergli consentire un “effettivo” reintegro all’interno della Società. Il nostro grazie va a tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione del loro bellissimo sogno: ‘essere modelle per un giorno’, impegnandosi a lavorare con donne con percorsi complessi di vita. Ma soprattutto il nostro grazie va alle detenute, perché oggi hanno dimostrato che ognuno, se vuole, può essere ciò che vuole essere e che non esistono confini quando la volontà unità alla passione e alla dedizione è ferma e determinata al compimento di un obiettivo. Brave ragazze!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...